Assunzioni a tempo indeterminato da graduatoria di pubblico concorso.

 Salve,

spero qualcuno possa darmi una risposta.

Sono un medico specializzato che nel dicembre del 2016 ha partecipato ad un concorso per assunzione a tempo indeterminato di 4 specialisti presso un ospedale di una ASL della Sardegna,  vincendo il concorso. A fine dicembre 2016 l'Asl ha anche deliberato l'approvazione della graduatoria.

Ad oggi, 27 maggio 2017, l'Asl non ha provveduto ancora all'assunzione di nessuno dei 4 vincitori, mentre ha provveduto ad assumere i vincitori di altri concorsi a tempo indeterminato svoltisi successivamente.

Dalle ultime indiscrezioni sembrerebbe che, per quanto ci riguarda, l'Asl si stia preparando a proporre a noi 4 vincitori, dei contratti a tempo determinato invece dell'assunzione a tempo indeterminato alla quale avremmo diritto. 

Fatta questa premessa vi porgo le mie domande:

1 l'Asl è obbligata ad assumere i quattro vincitori a tempo indeterminato? In altre parole, potrebbe anche non assumerci mai?

2 se é obbligata ad assumere, esiste un termine di tempo entro il quale è obbligata a farlo?

3 deve provvedere all'assunzione di tutti e quattro contemporaneamente o può farlo in tempi diversi sulla base della posizione in graduatoria?

4 è possibile, da un punto di vista legale, che proponga in alternativa ai vincitori dei contratti a tempo determinato?

 Ultima domanda:

5 qualora io accettassi l'assunzione a tempo determinato, alla scadenza se la Asl volesse continuare con i contratti a tempo determinato dovrebbe rinnovare il contratto a noi 4 vincitori o dovrebbe scorrere la graduatoria nella quale ci sono 10 persone in totale e quindi assumere a tempo determinato dal quinto in poi?

Le mie perplessità in tal senso, sono legate al fatto che come vincitore io abbia maturato il diritto di essere assunto. Inoltre, ho partecipato al concorso (sostenendo delle spese in termini di denaro e tempo) solo perché era per assunzione a tempo indeterminato. Non avrei mai partecipato ad un concorso per assunzioni a tempo determinato, lavorando già fuori regione con un contratto senza scadenza.

Se ciò accadesse (assunzioni a tempo determinato) io non sarei messo in condizione di acquisire il diritto maturato (all'assunzione a tempo indeterminato) perché non sarebbe saggio lasciare un lavoro sicuro per un tempo determinato, con il rischio che alla scadenza l'Asl non mi assuma ancora a tempo indeterminato e scorra la graduatoria dal quinto in poi per proseguire con assunzioni a tempo determinato; ed in tal caso io resterei disoccupato.

Posso fare qualcosa per tutelare il mio diritto all'assunzione e se sì cosa?